Francia: Disturbi venatori punibili con un anno di reclusione

La pena per una persona che impedisce lo svolgimento di una cacciata può arrivare a un anno di carcere e una multa di 30.000 euro. Cosi Il Senato Francese ha votato una legge per impedire il disturbo da parte di animalisti violenti  cercando di  rafforzare la sicurezza di questa pratica, che ha visto 13 morti durante la stagione passata.
Il Senato ha varato giovedì una legge per punire più severamente l’azione di prevenzione del disturbo della caccia e ha anche votato nuove misure per rafforzare la sicurezza della caccia.
Questa legge  ha occupato un posto importante durante la prima lettura in Senato del disegno di legge sulla creazione del futuro Ufficio francese per la biodiversità, adottato giovedì sera con 235 voti favorevoli e 94 astensioni.

All’unanimità, i senatori hanno votato così l’ampliamento delle possibilità di ritiro della licenza per cacciare “in caso di osservazione di un incidente grave, che potrebbe mettere in pericolo la vita degli altri” ed  fino ad un anno di reclusione in caso di ostruzione della caccia

Queste misure intendono contribuire a migliorare la sicurezza: “I cacciatori stanno facendo significativi sforzi di sicurezza, ma abbiamo anche bisogno di altri, anche se sono anti-caccia, Rispettare il diritto di praticare questa attività “, ha dichiarato Jean-Noël Cardoux (LR). È da questo postulato che è stato creato un crimine di ostruzione. Punta a punire con un anno di carcere ed una multa da 30.000 euro per disturbo ad un atto di caccia, ora considerato una violazione. I difensori della misura hanno citato “aggressione fisica”, “atti di vandalismo”, “maltrattamento di cani da caccia” o cavalli.