Print Friendly, PDF & Email

Il ministero dell’Agricoltura ha interrotto la caccia ai lupi, sostenendo che le quote per la stagione in corso sono state rispettate. Il divieto si applica a tutti i territori di caccia in Slovacchia, a partire dal 12 dicembre.
La quota annuale per la stagione 2019/2020 era fissata a 35 capi all’anno.
È stato il risultato di un accordo tra un gruppo di lavoro composto dai rappresentanti del ministero dell’Agricoltura e di altri organi rispettivi, tra cui il ministero dell’Ambiente, il Conservatorio statale per la natura, gli allevatori di animali da allevamento, l’Amministrazione veterinaria e alimentare statale, il Centro forestale nazionale di Zvolen, le Foreste militari, Lesy SR e i rappresentanti delle autorità distrettuali e delle organizzazioni non governative, riportava il giornale TASR.
Il portavoce del ministero dell’Agricoltura Vladimír Machalík ha affermato che la popolazione di lupi in Slovacchia è in buona forma. Il loro numero è in aumento, ma si sta fortemente espandendo sul territorio.
Di conseguenza, il prelievo è possibile senza un impatto negativo sulla popolazione.

About the author

Marco Navarro

Marco Navarro

Responsabile della redazione.
Esperto di comunicazione, web designer, grafico pubblicitario, marketing strategico e nuovi media.

Translate »