Print Friendly, PDF & Email

Il ministero dell’Agricoltura ha interrotto la caccia ai lupi, sostenendo che le quote per la stagione in corso sono state rispettate. Il divieto si applica a tutti i territori di caccia in Slovacchia, a partire dal 12 dicembre.
La quota annuale per la stagione 2019/2020 era fissata a 35 capi all’anno.
È stato il risultato di un accordo tra un gruppo di lavoro composto dai rappresentanti del ministero dell’Agricoltura e di altri organi rispettivi, tra cui il ministero dell’Ambiente, il Conservatorio statale per la natura, gli allevatori di animali da allevamento, l’Amministrazione veterinaria e alimentare statale, il Centro forestale nazionale di Zvolen, le Foreste militari, Lesy SR e i rappresentanti delle autorità distrettuali e delle organizzazioni non governative, riportava il giornale TASR.
Il portavoce del ministero dell’Agricoltura Vladimír Machalík ha affermato che la popolazione di lupi in Slovacchia è in buona forma. Il loro numero è in aumento, ma si sta fortemente espandendo sul territorio.
Di conseguenza, il prelievo è possibile senza un impatto negativo sulla popolazione.

About the author

Marco Navarro

Marco Navarro

Responsabile editoriale della redazione.
Esperto di comunicazione, web designer, grafico pubblicitario, marketing strategico ed esperto dei nuovi media.

Translate »