Print Friendly, PDF & Email

di Bruno Modugno

Questa volta, il dito nell’occhio voglio metterlo a quelli che dicono: “che palle ‘ste foibe”! È una stupidaggine di segno diverso ma di uguale stupidità da chi dice: “che palle ‘sta Scioà!” Voglio credere che i due atteggiamenti non esprimano tanto una convinzione politica, quanto una sorta di assuefazione al dibattito a lungo ripetuto come quelli che si facevano su Solgenytzin o la Fallaci. O per essere più vicini ai giorni nostri, su Bugo e Morgan (di cui non me ne frega niente).
Invece se il loro fastidio fosse indice di convinzione politica, allora ci sarebbe da escluderli da ogni contatto pubblico per una sorta di quarantena morale.

L’altra sera ero a cena con un carissimo amico istriano, che magari conoscete anche voi. Ha raccontato, tra un risotto all’anitra e uno spezzatino di cervo, che i comunisti titini gli hanno buttato in foiba una dozzina di parenti tra i quali una nonna.
A tavola con noi, c’erano due bravi comunisti d’antan. Tranquilli, oggi. Magari PD, ma ai tempi loro, qualche corteo l’hanno fatto. Uno ha fatto finta di niente. L’altro: guarda che se ce l’avete con me, sono qui. Gli avrei risposto: Non ce l’ho con te, ma con tutti quelli che per 70 anni, ministri della Giustizia italiani, presidenti della Repubblica e capi del governo, tutti fieramente comunisti, hanno negato l’esistenza delle foibe. E ce l’ho con me e con quelli come me, che per anni li abbiamo considerati gente di rispetto.

D’altro segno sono quelli che manifestano fastidio solo a sentire nominare la Scioà.
È solo ignoranza perché quello di buono che Mussolini ha fatto lo si deve ai suggerimenti della sua amante, Margherita Sarfatti, socialista ed ebrea ed al lavoro del suo ministro delle Finanze, Finzi, ebreo, che sanò l’economia italiana disastrata dopo la guerra. Fu Mussolini a costruire il porto di Haifa, e a Nathan Goldman dell’agenzia Ebraica in visita a Roma, Mussolini disse testualmente: “Sono fermamente sionista. Vi dico che voi siete più potenti del Signor Hitler (…) noi tutti lo seppelliremo. Ma dovete creare uno Stato ebraico. Sono sionista, io.
L’ho detto già al Dr. Weizmann. Dovete avere un vero Stato ebraico e non il ridicolo Home National che gli inglesi vi hanno offerto. Vi aiuterò a creare uno Stato ebraico. La cosa più importante è che gli ebrei abbiano fiducia nel loro avvenire e non si lascino spaventare da quell’imbecille di Berlino”.  (Testo stenografico registrato a palazzo Venezia il 12 novembre 1934) Ma poi cambiò amante e politica sionista.

Dopo aver liquidato la Sarfatti e promulgato le sciagurate leggi razziali, continuò ad offrire ai profughi ebrei del ‘Europa orientale di passaggio per Trieste e diretti in Palestina, il cambio di favore del dollaro. Poi, quello che è successo dal ‘38 al ’44 è follia Studiate la storia, popolo degli Hobbit!

About the author

Bruno Modugno

Bruno Modugno

Bruno Modugno, Ha lavorato per undici anni nei quotidiani e rotocalchi, come cronista e poi inviato. Nel '64 ha cominciato a collaborare con la RAI. E' stato autore e conduttore di programmi culturali e di grandi contenitori quotidiani di intrattenimento.
Giornalista e scrittore, autore televisivo e regista, si occupa da 40 anni di problemi venatori indagando sui versanti biologico, etico e antropologico della caccia. Oggi Direttore editoriale del canale Caccia tv su Sky

Translate »