Print Friendly, PDF & Email

 

A me l’occhio. Per carità, non ho nessuna intenzione di infilare il dito nell’occhio di certi amici selecontrollori appenninici che hanno preso alla lettera riti e liturgie che oltr’Alpe accompagnano l’abbattimento di un ungulato. Il Weidmannsheil! (che significa “Viva il cacciatore”) è l’omaggio che l’accompagnatore tributa all’autore dell’abbattimento porgendogli sul cappello il rametto (Bruch) macchiato del sangue della vittima sacrificale. Il cacciatore prende il rametto e lo infila nella fascia del suo cappello rispondendo Weidmannsdank’. Il rito, fatto un po’ all’amatriciana, a volte diventa approssimativo e talvolta un po’ comico. E il saluto Weidmannsheil! si trasforma in un’altra parola. Con le mie orecchie ho sentito “Banzai!” o “Laiammazzai!”. Morale: evitiamo riti non nostri che appartengono a un’altra cultura. E gridiamo il nostro” Viva Maria!” che significava per le popolazioni rurali la liberazione dalla fame grazie all’animale sacrificato. A meno che non abbiamo la fortuna di cacciare in quei territori dove si è sempre praticata la caccia in loden, come l’Alto Adige, il Tarvisiano e il Carso. E della cultura germanica accontentiamoci di utilizzare quel tipo di gestione che abbiamo importato solo pochi decenni fa, e che tanto bene ha fatto alle popolazioni dei nostri grandi selvatici, gli ungulati.

A questo punto, però, vale la pena mettere a confronto le due diverse culture e i due diversi modi di considerare la Natura, al di qua e al di là delle Alpi. Nella solare cultura mediterranea, romano-giudaico-cristiana (e io aggiungerei anche greca), l’Uomo è posto dalla Divinità al centro dell’Universo. Padrone assoluto, dispone liberamente e a suo piacimento di animali, piante e acque, perché solo l’Uomo ha l’anima. Dio gli affida il Pianeta perché ne faccia buon uso. E lui ne dispone liberamente. L’Uomo del Sole considera la Natura la madre del disordine e vi mette riparo trasformandola in quello che oggi chiamiamo “il giardino all’italiana”. Quello è il paesaggio che abbiamo disegnato: campi ben curati e vigne, dove convivono specie opportuniste, come la starna, la pernice, la lepre che si nutrono senza far danno del lavoro dell’uomo. Le altre specie, le fiere come gli ungulati e il lupo, erano confinati nei boschi. E da lì uscivano per far danno. La foresta era il disordine, il regno del demonio e l’uomo ogni tanto compiva un’incursione, con cani e brigate di cacciatori, per mettere ordine. Ha messo così bene ordine che fino a pochi anni fa i grandi mammiferi erano quasi scomparsi. Poi, si sa, il paesaggio è disegnato dall’economia. Una volta si coltivavano grano e farro fino a quasi duemila metri, le montagne erano popolate dagli allevamenti. A cominciare dal dopoguerra, l’agricoltura ha progressivamente abbandonato la montagna e la collina. Il bosco ha preso il posto dei pascoli e delle colture. Le diverse specie di ungulati, cinghiali, caprioli, daini, cervi, mufloni, e camosci, discendenti da popolazioni residue o reintrodotti a scopo venatorio, amatoriale o anche naturalistico l’hanno fatta da padrone, vi hanno trovato cibo e rifugio e si sono riprodotte in maniera che nessuno aveva immaginato. In quegli anni si stava facendo strada un modello di gestione che, già presente in Alto Adige e nel Tarvisiano, trovò spazio nel ’94 nella legge regionale Friuli-Venezia Giulia e progressivamente in tutte le regioni interessate. Quindi, tranne che per il cinghiale, unico ungulato da cacciare anche in braccata e anche con armi a canna liscia, la caccia è ammessa solo in selezione con carabine di precisione. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Oggi l’Italia, grazie anche alle aziende faunistico-venatorie, vanta la più vasta popolazione di ungulati in Europa.

Al di là delle Alpi, soprattutto in area linguistica germanica (ma anche nei Paesi di cultura celtica) l’uomo è solo un ospite della foresta-cattedrale popolata da un empireo di tutte le altre creature reali, come gli animali selvatici e le piante, e fantastiche come gli elfi, i coboldi e gli gnomi. L’uomo vi entra con rispetto, in punta di piedi. E quando taglia un albero o abbatte un animale, poi chiederà perdono a entrambi. E così abbiamo il mito dell’albero che, nella tradizione cristiana, sarà dedicato al Natale ma che nella tradizione germanica è l’albero, coperto di luci e di doni nel solstizio d’inverno, simbolo di tutti quelli che sono stati abbattuti. E dello stesso esorcismo fanno parte tutti quei riti, come il Weidmannsheil! che onorano la spoglia dell’animale ucciso ma che diventerà carne, sangue, energia dell’uomo che se ne nutrirà.

Bruno Modugno

About the author

Bruno Modugno

Bruno Modugno

Bruno Modugno, Ha lavorato per undici anni nei quotidiani e rotocalchi, come cronista e poi inviato. Nel '64 ha cominciato a collaborare con la RAI. E' stato autore e conduttore di programmi culturali e di grandi contenitori quotidiani di intrattenimento.
Giornalista e scrittore, autore televisivo e regista, si occupa da 40 anni di problemi venatori indagando sui versanti biologico, etico e antropologico della caccia. Oggi Direttore editoriale del canale Caccia tv su Sky

Translate »