Print Friendly, PDF & Email

 

Milioni di ettari di habitat naturale negli Stati Uniti e la fauna selvatica che popola queste vaste aree di terre private e pubbliche dipendono da persone che ne sostengono la conservazione.  I cacciatori occasionali sono un numero importante di persone le cui licenze, e tasse pagano direttamente per gli sforzi di conservazione. Tuttavia, il numero di persone che cacciano è in costante diminuzione dagli anni ’80.

“In alcuni stati, oltre la metà dei finanziamenti per le agenzie statali di conservazione proviene da cacciatori e pescatori.  Il costante calo genera sempre meno fondi per finanziare progetti per la conservazione.

Un gruppo di docenti della LSU School of Renewable and Natural Resources, formano gruppi di studenti della facoltà di ecologia della fauna selvatica LSU, che diventeranno i professionisti responsabili della gestione della biodiversità dei sistemi naturali per la conservazione delle varie specie.

Questi professionisti della fauna selvatica raccolgono i dati che contribuiscono a generare le politiche per proteggere le risorse naturali ed implementare le pratiche di gestione. Interagiscono direttamente anche con i cacciatori.
L’esperienza dei cacciatori è considerata molto formativa per gli studenti, risultando in una connessione più profonda con le risorse della fauna selvatica e una più ricca comprensione della cultura della caccia e della gestione dei cacciatori per l’habitat della fauna selvatica.

Insieme ai colleghi dell’Università della California di Davis, descrivono come l’interazione consumativa con la natura – l’atto di raccogliere un animale – porta ad un più profondo apprezzamento della risorsa.

Secondo l’ultimo sondaggio sul servizio di pesca e fauna selvatica negli Stati Uniti, oggi negli Stati Uniti ci sono oltre 2,2 milioni di cacciatori in meno rispetto agli ultimi dieci anni.

In questo momento, meno del 4% della popolazione degli Stati Uniti è un cacciatore, di conseguenza, i nostri attuali studenti hanno meno probabilità di diventare cacciatori rispetto alle generazioni precedenti di specializzandi in gestione della fauna selvatica.

Questa tendenza riguardo al fatto che i futuri professionisti della fauna selvatica sono meglio attrezzati per gestire le risorse della fauna selvatica e sviluppare le future politiche di gestione politiche se comprenderanno le motivazioni e la cultura delle componenti di essere cacciatore che sostengono il loro lavoro.

About the author

Avatar

Redazione LRC

Translate »