Print Friendly, PDF & Email

Con il lockdown causato dalla pandemia del Covid-19 abbiamo assistito ai numerosi animali selvatici frequentare le nostre città, recenti studi ricordano come sia noto che da tempo i centri urbani creano nuovi habitat per popolazioni selvatiche ricchi di cibo e rifugi,  come le volpi rosse che oramai sono diffuse in diverse nostre città, dove si sono ben consolidate.

Un recente studio pubblicato su Proceedings of the Royal Society Series B da un team di ricercatori delle università di Glasgow, Edimburgo, Bristol e Massachusetts, ha analizzato le differenze tra le volpi rosse (Vulpes vulpes) urbane e rurali nel Regno Unito e che le loro scoperte «spiegano in che modo i cani potrebbero essersi evoluti nei nostri attuali animali domestici».

Questo cambiamento sembrerebbe proprio quel che ci si aspetterebbe durante un processo di domesticazione.  In altre parole “dicono i ricercatori “mentre le volpi urbane non sono certamente domestiche, stanno cambiando atteggiamento in un modo che le avvicina a ciò che si vede in molti animali domestici.

Un altro autore dello studio, Andrew Kitchener dei National Museums Scotland, aggiunge: «Questo è importante perché le interazioni uomo-animale sono continue e alcuni degli aspetti ambientali di base che potrebbero essersi verificati durante le fasi iniziali dell’addomesticamento per i nostri attuali animali domestici, come cani e gatti, erano probabilmente simili alle condizioni in cui vivono oggi le nostre volpi urbane e altri animali urbani. Quindi, adattandosi alla vita intorno agli esseri umani, in realtà in alcuni animali si innesca l’addomesticamento».

Si è scoperto che il modo in cui le volpi urbane e rurali differivano corrispondeva a un modello di evoluzione della volpe che si è verificato nel corso di milioni di anni tra le specie. Mentre la quantità di cambiamento non è così grande, questo ha dimostrato che questo recente cambiamento evolutivo nelle volpi dipende da tendenze radicate su come le volpi possono cambiare. In altre parole, questi cambiamenti non sono stati causati da mutazioni casuali che hanno effetti casuali, nel modo in cui molti si potrebbe pensare che si verifichi l’evoluzione».

Marco Navarro

About the author

Marco Navarro

Marco Navarro

Responsabile editoriale della redazione.
Esperto di comunicazione, web designer, grafico pubblicitario, marketing strategico ed esperto dei nuovi media.

Translate »