Print Friendly, PDF & Email

Con una delibera del 3 agosto 2020 la regione Toscana promuove “azioni finalizzate ai bisogni essenziali e ad attenuare le condizioni di disagio delle persone e delle famiglie attraverso la raccolta e la distribuzione delle carni derivanti dalla macellazione di ungulati selvatici destinate alla beneficenza alimentare”.

Come emerge dai documenti, in allegato, la Regione Toscana è impegnata a fronteggiare gli effetti dell’emergenza epidemiologica in atto promuovendo – in ambito sociale e sanitario – le necessarie azioni e iniziative di assistenza e protezione finalizzate a sostenere i bisogni essenziali che concorrono a determinare lo stato di benessere delle persone e a salvaguardare gli interessi collettivi e generali nonché i corretti stili di vita delle famiglie e delle comunità toscane, con particolare riferimento ai soggetti più vulnerabili e in condizione di svantaggio o marginalità.

In considerazione della notevole disponibilità di carne proveniente da ungulati selvatici abbattuti nell’ambito di piani di controllo predisposti dal competente Settore regionale, si ritiene indispensabile incentivare e coordinare le attività degli ATC rivolte alla beneficenza alimentare così come previsto dalla DGRT n:41/2020, tutto ciò al fine di offrire un ulteriore supporto alle iniziative volte al sostentamento delle categorie in difficoltà anche a causa della particolare congiuntura sanitaria ed economica.

Non possiamo che plaudere a questa iniziativa della regione Toscana che, oltre ad avere nobili intenti, contribuisce a restituire un’immagine della caccia, e del cacciatore, conforme a quella che è la loro storia.

<DELIBERA>

<ALLEGATO-A>

La redazione

 

 

About the author

Avatar

Redazione RM

Translate »